Questo contenuto è disponibile anche in

Da San Bernardo si segue la strada pianeggiante fino al ponte sul Rio Rasiga si risale fino al primo tornante dove si imbocca il sentiero (GTA) che sale nel bosco sempre a mezza costa fino all’Alpe Casariola. Proseguendo ai margini di un bosco bruciato si raggiunge l’Alpe Dorca, posto in bella posizione panoramica. Si continua superando una dorsale e si risale per praterie di alta quota puntando alla rozza croce di legno dell’Alpe Variola di sopra con grandi baite in pietra. Da qui si abbandona il sentiero GTA e si seguono esili tracce che salgono (cartello indicatore “Sentiero dei laghi”) per balze erbose e rocce levigate dai ghiacci  a raggiungere prima i Laghi di Variola intermedi e poi il Lago di Variola superiore, in una bella conca dove sono ancora evidenti i segni della forza modellatrice dei ghiacciai. Volendo si possono seguire le tracce che costeggiano il lago sulla sponda occidentale e poi, superata una pietraia, raggiungono la Bocchetta del Rovale da cui si gode di una vista spettacolare sulla Valle Divedro, il Cistella e il Monte Leone. Tornati indietro dallo stesso sentiero anziché scendere all’Alpe Variola si segue l’indicazione “Sentiero dei laghi” in direzione dei Laghi di Paione. Il sentiero è a tratti poco evidente e risale a mezza costa fino a scavalcare una prima dorsale, poi si scende su ripido sentiero fino ad incontrare la palina segnaletica che indica la deviazione per Dorca posta su una seconda dorsale. Si prosegue verso i Laghi di Paione su sentiero ormai evidente costeggiando il bosco bruciato e con un lungo tratto a mezza costa piuttosto tortuoso si raggiunge la conca rocciosa del Lago di Paione inferiore. Da qui lungo il sentiero D10 si scende rapidamente all’Alpe Paione. Dall’alpe per tornare a san Bernardo o si segue la strada asfaltata oppure scesi nella parte più bassa dell’ampia radura si imbocca un sentiero che entra nel bosco e arriva ad incrociare il sentiero fatto all’andata e che arriva al primo tornante stradale sopra il ponte sul Rio Rasiga.

Note: È una gita appagante per l'ambiente severo e selvaggio che contrasta con la dolcezza e la serena armonia di altri angoli della valle. Attenzione in caso di nebbia, la segnaletica è piuttosto carente.

Ultimo aggiornamento: 06/03/2018 ore 15:05:28

Informazioni sul percorso

Località di partenza

San Bernardo

Indice itinerario

GTA + collegamenti + D10

Dislivello in salita

795 m

Dislivello in discesa

795 m

Lunghezza

15,7 km

Tempo di percorrenza

5 h 15 min

Sentieri

GTA + collegamenti + D10

Difficoltà

 E (medio difficile). Difficoltà di orientamento da Alpe Variola al Passo di Variola.

Periodo consigliato

Luglio-Ottobre

Area

Valle Bognanco

Punti di interesse

I tre laghetti di Variola, incassati in un vallone desolato e pietroso tra il Pizzo Giezza e il Pizzo del Rovale, sono una meta poco conosciuta dell'escursionismo sulle montagne dell'Ossola.

Fermata BUS di riferimento

Fermata bus a Graniga (linea Domodossola – Bognanco)

Note

È una gita appagante per l'ambiente severo e selvaggio che contrasta con la dolcezza e la serena armonia di altri angoli della valle. Attenzione in caso di nebbia, la segnaletica è piuttosto carente.

© 2017 Ente di Gestione Aree Protette dell’Ossola | Privacy | Cookies  | Accessibilità | Credits

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, per migliorare il funzionamento del sito stesso.Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu'...privacy policy.

  Io accetto i cookie di questo sito
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk