Questo contenuto è disponibile anche in

Caratteristiche generali

Il Lago di Pojala è un laghetto di circo posto in una conca solitaria poco sopra l’omonimo alpeggio che per secoli fu il più cospicuo dell’insediamento walser di Agaro. Sono luoghi di solitudine dove il silenzio è rotto dal vento che soffia libero sulle praterie e dal fischio impaurito delle marmotte.
Nei pressi delle baite di Pojala il ruscello scompare in una depressione calcarea e, dopo un percorso sotterraneo, ricompare sopra il Lago di Agaro. Il percorso ipogeo di circa due chilometri ha dato origine alla “Voragine di Pojala”, l’abisso speleologico più bello del Piemonte settentrionale (una cascata di 30 m precipita in un imbuto di rocce bianchissime).
L’itinerario è una percorso ad anello che permette di conoscere due volti di queste montagne: gli alpeggi abbandonati (Valle e Naga) e quelli ancora caricati (Sangiatto e Pojala). 

Il percorso

Da Devero si sale a Crampiolo passando dal bel sentiero a tratti ancora lastricato che passa da Corte d’Ardui. Davanti alla Chiesa di Crampiolo si prende la pista trattorabile che sale alla dighetta e costeggia il Lago di Devero o Codelago. Al primo bivio si prende a destra abbandonando la pista e proseguendo lungo il sentiero che poco dopo si biforca ulteriormente: si prende a destra direzione Alpe e B.tta della Valle. Il sentiero sale ripido lungo quella che era una vecchia via di salita delle mucche come testimoniato dai tratti di vecchio lastricato ancora presenti. Uscito dal bosco si raggiunge l’Alpe della Valle, ormai abbandonata. Si supera il ponticello e si prosegue a mezza costa passando sotto alle baite e si continua fino a raggiungere la baitella isolata dell’Alpe Naga. Si segue una dorsale erosa fino a raggiungere un’ampia conca. Si attraversa il ruscello e si risale con ripidi tornanti fino a raggiungere il bivio (segnalato) per il Lago di Pojala. Si scende ad attraversare il ruscello e si risale per breve tratto fino ad un'altra palina. Da qui inizia un vasto pianoro erboso (Passo di Pojala) che in estate si ammanta di bianchi fiocchetti di Eriofori. Alla fine del pianoro vediamo finalmente il Lago di Pojala incassato nelle rocce che si raggiunge dal passo con un ultimo ripido tratto in discesa. Si costeggia il lago e si inizia a scendere verso l’immenso Alpe di Pojala. Si superano le baite e prestando attenzione ai segnavia si segue il sentiero H16 che sale gradatamente a mezza costa fino alla B.tta della Scarpia (2248 m), l’ampia insellatura che mette in comunicazione il vallone di Agaro con la Valle di Devero. Dalla bocchetta si scende seguendo le numerose tracce formatesi per i ripetuti passaggi delle mucche e in breve si raggiunge il terzo lago del Sangiatto. Da qui si scende rapidamente all’Alpe Sangiatto, si prende la pista trattorabile che al primo tornante si abbandona per seguire il sentiero H16 che con ampio mezzacosta scende a Crampiolo e quindi a Devero. In alternativa dall’Alpe Sangiatto si segue integralmente la pista trattorabile che scende a Corte d’Ardui e da qui a Devero con il sentiero H00.

Ultimo aggiornamento: 06/03/2018 ore 10:54:17

Informazioni sul percorso

Località di partenza

Alpe Devero Loc. Ai Ponti (1634 m)

Indice itinerario

H00 – H98 – H14 – H08 – H16

Dislivello in salita

865 m

Lunghezza

17,6 km

Tempo di percorrenza

6 h 15 min

Sentieri

H00 – H98 – H14 – H08 – H16

Difficoltà

E (media)

Periodo consigliato

Luglio-Ottobre

Area

Valle Devero

© 2017 Ente di Gestione Aree Protette dell’Ossola | Privacy | Cookies  | Accessibilità | Credits

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, per migliorare il funzionamento del sito stesso.Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu'...privacy policy.

  Io accetto i cookie di questo sito
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk