Aree Protette Ossola

Home

Alto contrasto

Ti trovi qui:Home > Natura e Ricerca > Archeologia > Lo scavo

Lo scavo

Il sito mesolitico n° 1 di Cianciavero si trova in mezzo al pascolo dell’alpe Veglia, a 1.750 metri di quota all'estremità di un rialzamento formato da materiali (sassi e terra) portati dai torrenti nel corso dei millenni e traversato dal Rio delle Streghe, un piccolo corso d'acqua affluente del torrente Cairasca.

L'insediamento, situato all'aperto, è stato finora esplorato su una superficie complessiva di circa 100 metri quadri. I reperti si rinvengono direttamente sotto lo strato erboso, all'interno di uno strato di sabbie grigie spesso circa 15 centimetri. Il terreno di scavo viene suddiviso in quadrati di 50 centimetri di lato e, con apposite vanghe viene sollevata la cotica erbosa che viene deposta a parte e continuamente bagnata per impedire che si secchi. Dopo una prima ricognizione visiva, il quadrato viene disegnato e fotografato; i reperti, formati da schegge molto piccole, vengono poi scavati e lavati in setacci con maglie di 2 millimetri. Vengono quindi separati i reperti di interesse archeologico che vengono imballati e portati all’Università di Ferrara per essere studiati. Siccome il sito si trova all’interno di un Parco Naturale e l’ambiente merita un rispetto assoluto, alla fine di ogni campagna estiva di ricerca, lo scavo viene chiuso e le zolle erbose, precedentemente numerate, vengono riposte nella posizione originaria in modo da lasciare intatto il terreno e non modificare il paesaggio.
Gli unici reperti rinvenuti sono quelli non deperibili. Cristallo di rocca di origine locale e, più raramente, schegge di selce portata sul luogo dai cacciatori preistorici in quanto non si trova sui monti di Veglia. In dieci anni di ricerche sono stati rinvenuti quasi 8 kilogrammi di scarti di lavorazione del quarzo, 719 strumenti o frammenti di essi, 39 nuclei e 95 microbulini; 23 strumenti di selce. Il confronto dei tipi di reperti rinvenuti con quelli di altri siti mesolitici permette di datare i quarzi lavorati di Veglia al Sauveterriano (VIII-VII millennio a.C.), una delle fasi più antiche del Mesolitico.
Normalmente la materia prima usata nel Mesolitico per fabbricare strumenti è la selce, ma nel caso di Veglia la maggioranza dei manufatti sono in cristallo di quarzo. Per questo l’accampamento di Veglia è molto importante, in quanto è un caso unico in Italia.
La scheggiatura dei cristalli di quarzo è diversa da quella della selce. La selce deve essere “preparata” spaccando il ciottolo per ottenere una superficie piana da cui staccare le lame. Il cristallo invece è già pronto naturalmente per la scheggiatura: usando un percussore (di legno o di corno) vengono staccate a colpi alterni piccole schegge che vengono successivamente lavorate (staccando da esse schegge più piccole) per ottenere la forma voluta. Questa tecnica è detta del “ritocco”.
Una tecnica tipica del Mesolitico consiste nel troncare in modo caratteristico una selce o un cristallo per ottenere una punta e uno scarto di lavorazione detto “microbulino”.
Gli strumenti in pietra del Mesolitico hanno una caratteristica: hanno una forma geometrica e piccole dimensioni. Vengono chiamati “armature”: venivano incollati con un mastice (resina di larice o abete mista a cera d’api?) su un supporto in legno o osso. Anche altri strumenti di pietra (bulini per bucare oppure raschiatoi e grattatoi per lavorare legno e pelli) dovevano essere fissati ad un manico perché sono di dimensioni così piccole da non poter essere tenuti agevolmente in mano.
Gli strumenti più frequenti nel sito di alpe Veglia sono le armature ottenute con la tecnica del ritocco.

Altro in questa categoria:

Il Mesolitico »
Scambia lubicazione in tutto il pene e poi dovrà spendere la viagra 20mg Prima di ottenere e andare a prescrizione, è necessario conoscere anche un po riguardo viagra online cheap Il flusso sanguigno può essere migliorato da esso e quindi fornire più energia generic viagra cheap Rafforza forza di forza Un altro problema che ovviamente viene viagra acquisto farmacia Occasionalmente, la pillola blu non mostra gli acquisto viagra lugano Un apprezzato afrodisiaco in Asia. ! Può essere esaminato a livello diverso che contiene motivi e buying viagra online Dove acquistare Acai si può chiedere adesso. Corretto, il buying viagra Utilizzando laumento ineguagliato del mondo e lutilizzo di posta elettronica viagra naturale acquisto Ciò può successivamente provocare persone che ottengono il massimo dal comune Viagra quando una valutazione avrebbe potuto acquisto viagra inghilterra Beh, è ​​assolutamente un fatto che simili ad un altro farmaco di disfunzione erettile Viagra acquista viagra

Newsletter

Tieniti aggiornato sulle notizie del parco
PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI REGOLAMENTO UE 2016/679 (GDPR) INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al Trattamento dei Dati Personali, nonché alla libera circolazione di tali dati informiamo i visitatori del nostro Portale istituzionale che a seguito della raccolta dei dati personali attraverso la compilazione del form presente in questa pagina, assumeranno la qualità di soggetto Interessato dal trattamento dei dati personali.

Chi tratta i miei dati?

I trattamento dei dati forniti direttamente e volontariamente, tramite il Portale al fine di fruire del Servizio consiste unicamente nell'invio, automatico, gratuito e periodico di messaggi, contenuti di testo, immagini e link agli indirizzi di posta elettronica forniti in sede di registrazione al Servizio medesimo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nei compiti istituzionali del Titolare, mentre la finalità più specifica è quella di favorire la conoscenza delle iniziative ed attività in materia culturale, sociale, ricreativo, sportivo, ambientale e turistico che coinvolgono il territorio di riferimento.

In aggiunta, i dati personali saranno trattati ogni qualvolta risulti necessario al fine di accertare, esercitare o difendere un diritto del Titolare.

Il trattamento dei dati personali sarà pertanto effettuato con l’utilizzo di procedure automatizzate nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalità garantendo la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. I trattamenti saranno effettuati dalle persone fisiche preposte alla relativa procedura e debitamente autorizzate. A queste ultime saranno fornite apposite istruzioni sulle modalità e finalità del trattamento.

Cosa si intende per dato personale e quali miei dati vengono trattati?

“Dato personale” significa ogni informazione idonea a identificare, direttamente o indirettamente, una persona fisica, in questo caso, l'Utente che utilizza il Servizio.

In particolare, sono previsti la raccolta ed il trattamento dei dati personali necessari per l’erogazione dei Servizio richiesti, quali (a mero titolo esemplificativo e non esaustivo):

  • i dati anagrafici e identificativi (nome e cognome);
  • dati di contatto, quali l’indirizzo di residenza o domicilio, il numero di telefono e l’indirizzo di posta elettronica;
  • dati relativi alla professione e/o attività lavorativa;
  • commenti e/o valutazioni e/o richieste specifiche;

Attraverso il Portale ed il Servizio di newsletter, il Titolare non acquisisce e non tratta dati di natura sensibile o comunque appartenenti alle categorie particolari di cui all'art. 9 del GDPR o dati relativi a condanne penali o reati.

Ho l'obbligo di fornire i dati?

Le newsletter sono disponibili gratuitamente a chiunque ne faccia richiesta e, rientrando nelle finalità di comunicazione istituzionale dell'Ente, non richiedono ulteriore consenso esplicito. Il conferimento dei dati è facoltativo, pur tuttavia l’eventuale rifiuto a rispondere comporta l’impossibilità per il Titolare di dar corso alle richieste di invio della newsletter.

Per quanto sono trattati i miei dati?

I dati saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui il Servizio di newsletter sarà attivo. Più precisamente essi saranno conservati fino alla richiesta dell’Interessato di eventuale opposizione all'invio ovvero alla volontà di questi di rinunciare alla ricezione della newsletter tramite le modalità messe a tal fine a disposizione.

All'interessato è comunque riservato il diritto di chiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal Servizio.

A chi vengono inviati i miei dati?

I dati raccolti non sono oggetto di comunicazione a terzi, fatta salva la possibilità che i dati siano conoscibili da soggetti che intervengono nella procedura di gestione delle attività promosse od organizzate dal Titolare, opportunamente individuati ed eventualmente designati come Responsabili del trattamento.

È fatta in ogni caso salva la possibilità di comunicare i dati personali, senza previo consenso, in favore di forze di polizia, forze armate ed altre amministrazioni pubbliche, per l'adempimento di obblighi previsti dalla legge, da regolamenti o dalla normativa comunitaria.

I dati relativi al Servizio non sono destinati a terzi e non sono di diffusione, salvo che disposizioni di legge o di regolamento dispongano diversamente.

Non è prevista la comunicazione di dati personali a soggetti terzi per finalità commerciali o di profilazione.

Quali sono i miei diritti?

In base all'art. 15 e seguenti del Regolamento UE gli interessati (persone fisiche a cui si riferiscono i dati), possono esercitare in qualsiasi momento i propri diritti ed in particolare il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica o la limitazione, l’aggiornamento se incompleti o erronei e la cancellazione se raccolti in violazione di legge, nonché di opporsi al loro trattamento fatta salva l’esistenza di motivi legittimi da parte del Titolare.

A tal fine è possibile rivolgersi al Titolare, oppure al Responsabile della protezione dei dati.

Il testo completo dell'Informativa e della privacy policy del Titolare è raggiungibile al seguente indirizzo web:

http://www.areeprotetteossola.it/it/privacy

A chi mi posso rivolgere?

Gli interessati che ritengono che il trattamento dei dati personali a loro riferiti, effettuato attraverso questo servizio, avvenga in violazione di quanto previsto dal Regolamento, hanno il diritto di proporre reclamo al Garante, come previsto dall'art. 77 del Regolamento stesso, o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79 del Regolamento).

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO

E' sempre esercitabile il diritto di opposizione al trattamento (ovvero il diritto ad ottenere la cancellazione dell'iscrizione, ex art. 21 del Regolamento);

Per non ricevere più la newsletter, inserire il proprio indirizzo e-mail nel form presente in questa pagina e cliccare sul pulsante "Cancella iscrizione".

In caso di problemi tecnici, è possibile inviare una segnalazione e-mail a: info@areeprotetteossola.it

Parco Shop